Traduttore

I miei blogs personali :

ENTRA NEL MIO SITO WWW.ARTECARLA.IT
-------------------
Ciao e benvenuti.
Mi chiamo Carla COLOMBO, sono una pittrice e scrivo di poesia, ma, poichè amo tanto l'arte , oltre al mio sito ed ai miei blogs che qui sotto vedete, ho aperto questa Galleria virtuale per dare spazio all'arte di altri artisti. A tutto il marzo 2017 hanno esposto la loro arte su queste pagine virtuali 100 artisti con diverse espressioni artistiche: pittura, scultura, poesia, musica, fotografia ed altro
..e per ora mi fermo qui con un caloroso saluto a tutti quanti. Contattatemi come e quando volete: arla_colombo@libero.it

Buona arte a tutti!

DESIDERI una recensione alla tua arte timbrata e firmata?

DESIDERI una recensione alla tua arte  timbrata e firmata?
Se desideri una recensione personale sulla tua pittura-scultura contattami e ti informerò di tutto. carla_colombo@libero.it oppure cliccando sul link sul lato destro di richiesta informazione

MOSTRA BIPERSONALE "MATERIA EMOZIONALE" DI ROSANNA RIGONI E CARLA COLOMBO

MOSTRA BIPERSONALE "MATERIA EMOZIONALE" DI ROSANNA RIGONI E CARLA COLOMBO
Carla Colombo reduce anche quest'anno da positivi riscontri ad alcuni concorsi ed a mostre collettive tenute in tutta Italia, solo per citarne qualcuna: città di Maiori al palazzo Mezzacapo, Trieste presso la galleria Rettori Tribbio2, Novara presso il Castello Visconte, Treviso presso Villa Rubelli, in Provenza presso il centro culturel des Augustins, e tante altre visibile sul suo sito www.artecarla.it. Nello stesso mese di novembre, dopo attenta selezione da parte del critico e storico dell'arte prof Giorgio Grasso, la Colombo, esporrà alla 58° biennale di Venezia e nel mese di dicembre a Ferrara al palazzo Scroffa. Per questa nuova mostra, nella quale la materia è protagonista, si presenta con opere diverse dal suo pintare impressionista spatolato, infatti le opere saranno informali-astratte, nelle quali il colore non viene abbandonato, ma lascia prevalere l'emozione incanalata con materiali anche di riciclo come sabbia, sassi, reti, filet, carta, juta. Un'espressione non nuova, ma che ha intervallata negli anni con i suoi paesaggi, i suoi fiori che con il sapiente uso della spatola, la brillantezza degli accostamenti cromatici, a volte arditi, ma sempre efficaci, le hanno consentito di esprimersi attraverso la pittura in modo davvero efficace, con impeto unito a grazia, leggerezza e densità materica tanto da rendere o le sue opere riconoscibilissime e da portare come esempio di arte come espressione dell'io, senza l'arroganza di dare un'interpretazione impositiva del soggetto, quanto piuttosto un voler condividere impressioni, sensazione, emotività positiva. Tutto questo lo si evince anche nelle opere informali, a tecnica mista, nelle sperimentazioni più lontane dalla forma in senso più classico, che andrà a proporre dove usai materiali come la penna, in una continua esternazione del suo sentire sempre garbato mai eccessivo, piacevolmente poetico. La mostra sarà inaugurata il 9 novembre alle ore 17,00 con la presentazione del prof. Silvano Valentini e sarà visitabile fino al 17 novembre con i seguenti orari: sabato 16 novembre dalle 15,00 alle 18,30 - domenica 10 e 17 ottobre dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 14,00 alle 18,30 con ingresso libero.

lunedì 8 ottobre 2012

Frammenti di vita....di amore di Pino Palumbo

Pino Palumbo ha scritto tantissime poesie che parlano soprattutto d'amore... amore  per i propri affetti, ma amore per tutto ciò che può essere amato in questo nostro vivere.
Mi sento di dedicare quest nuova  pagina intimistica ricca di emozioni, im particolare la prima poesia alla persona che tutti noi amiamo o che abbiamo amato e che resta sempre nel nostro cuore, ovunque sia in questo momento... appunto come dice Pino alla fine... solo Dio lo sa.
---
Permettetemi dunque di prendere in prestito le emozioni di Pino racchiuse nella prima poesia di Pino e la dedico alla mia mamma che è sempre con me...

Madre e figlio di Klimt 

“MAMMA”

            Ti ho persa
come una foglia
perde il ramo
del sontuoso albero
in autunno!

            Ti ho persa
come la barca
non più è sospinta
all’alleviarsi del vento
sulla maestosa vela!

            Ti ho persa
come la Terra-Madre anch’Ella
ed il mondo intero
perde il calore e la luce
al calar del sole!

            Ti ho persa
come la mente
perde la ragione
all’esplodere dell’ira!

            Ti ho persa
come l’acqua di un fiume
perde la sua spinta
col diminuire del pendio!

            Ti ho persa
e dove tu sia ora…
lo sa solamente Dio.

Pino Palumbo
---

amore e psiche di Canova                               

“COME TUTTO CIO CHE E’ VITA”

E’ come il sole
per il giorno,
affinché tutto non sia
preda d’una eclisse.
E’ come la luna
per la notte,
affinché tutto non sia
immerso nelle tenebre.
E’ come l’acqua
per la terra,
per non ch’ella sia
d’una arida sterilità.
E’ come la luce
per la foglia,
altrimenti biancamente anemica
priva di clorofilla.
E’ come il pendio
per il fiume
che privandolo così della corrente
sarebbe altrimenti stagnante.
E’ come il vento
per la vela,
altrimenti afflosciata;
le ali per gli uccelli,
le pinne per i pesci,
altrimenti “terreni”.
L’aria per i polmoni,
l’ossigeno per il cervello,
il cuore per il sangue,
il sangue per il corpo,
il corpo per la vita…

Ed è come tutto
ciò che è vita,

allorché non sia la morte…
Quando tu non ci sei.

Pino Palumbo
---


“INTIMITA’'

Rumori attutiti
da un silenzio irreale
come surreale
è il grigiore di questo
giorno d’autunno.
Uomini assorti
nel loro silenzio intimo
camminano ognuno
per le strade di questa
grigia città.
Il rombo delle auto
è come un grido che
disumano lacera
la quiete della mia mente
apatica, disattivata.

Ora, improvvisa
abbagliante e celestiale
è la luce
dolcemente attivata
dal Tuo viso e dal Suo
che nella mia intimità
improvvisamente affiora.

Pino Palumbo
---

  
“NASCITA”

Vita…
goccia di pioggia
che cade
nel mare
dell’umanità.

Granello di sabbia
che vortica
nel cielo,
nella tormenta.

Foglia autunnale
staccata
dal ramo
della civiltà.

Vita…
farfalla
che vola
verso
l’immensità.

Pino Palumbo
---


“RISVEGLIO”

Potrebbe
non sorgere il sole
al mattino
ed allungarsi
potrebbero
le tenebre oscure
fino a sera
eludendo il giorno
proteando una notte
invera
precludendo
- (del sole) -
ogni bagliore.

Potrebbe
non avvenire tutto ciò
eppur
se le tue ciglia
non si schiudessero
per lasciar filtrare
la benefica luce
dai tuoi occhi
della tua vita
non mi sembrerebbe
comunque avvenuto
il risveglio.

Pino Palumbo
---

tutte le immagini qui inserite sono state prelevate dall'web.
Nel caso che i diretti autori ne facessero visione, sono disponibile ad inserire i dati di appartenenza.

..E SI PROSEGUE...