Traduttore

I miei blogs personali :

ENTRA NEL MIO SITO WWW.ARTECARLA.IT
-------------------
Ciao e benvenuti.
Mi chiamo Carla COLOMBO, sono una pittrice e scrivo di poesia, ma, poichè amo tanto l'arte , oltre al mio sito ed ai miei blogs che qui sotto vedete, ho aperto questa Galleria virtuale per dare spazio all'arte di altri artisti. A tutto il marzo 2017 hanno esposto la loro arte su queste pagine virtuali 100 artisti con diverse espressioni artistiche: pittura, scultura, poesia, musica, fotografia ed altro
..e per ora mi fermo qui con un caloroso saluto a tutti quanti. Contattatemi come e quando volete: arla_colombo@libero.it

Buona arte a tutti!

DESIDERI una recensione alla tua arte timbrata e firmata?

DESIDERI una recensione alla tua arte  timbrata e firmata?
Se desideri una recensione personale sulla tua pittura-scultura contattami e ti informerò di tutto. carla_colombo@libero.it oppure cliccando sul link sul lato destro di richiesta informazione

MOSTRA BIPERSONALE "MATERIA EMOZIONALE" DI ROSANNA RIGONI E CARLA COLOMBO

MOSTRA BIPERSONALE "MATERIA EMOZIONALE" DI ROSANNA RIGONI E CARLA COLOMBO
Carla Colombo reduce anche quest'anno da positivi riscontri ad alcuni concorsi ed a mostre collettive tenute in tutta Italia, solo per citarne qualcuna: città di Maiori al palazzo Mezzacapo, Trieste presso la galleria Rettori Tribbio2, Novara presso il Castello Visconte, Treviso presso Villa Rubelli, in Provenza presso il centro culturel des Augustins, e tante altre visibile sul suo sito www.artecarla.it. Nello stesso mese di novembre, dopo attenta selezione da parte del critico e storico dell'arte prof Giorgio Grasso, la Colombo, esporrà alla 58° biennale di Venezia e nel mese di dicembre a Ferrara al palazzo Scroffa. Per questa nuova mostra, nella quale la materia è protagonista, si presenta con opere diverse dal suo pintare impressionista spatolato, infatti le opere saranno informali-astratte, nelle quali il colore non viene abbandonato, ma lascia prevalere l'emozione incanalata con materiali anche di riciclo come sabbia, sassi, reti, filet, carta, juta. Un'espressione non nuova, ma che ha intervallata negli anni con i suoi paesaggi, i suoi fiori che con il sapiente uso della spatola, la brillantezza degli accostamenti cromatici, a volte arditi, ma sempre efficaci, le hanno consentito di esprimersi attraverso la pittura in modo davvero efficace, con impeto unito a grazia, leggerezza e densità materica tanto da rendere o le sue opere riconoscibilissime e da portare come esempio di arte come espressione dell'io, senza l'arroganza di dare un'interpretazione impositiva del soggetto, quanto piuttosto un voler condividere impressioni, sensazione, emotività positiva. Tutto questo lo si evince anche nelle opere informali, a tecnica mista, nelle sperimentazioni più lontane dalla forma in senso più classico, che andrà a proporre dove usai materiali come la penna, in una continua esternazione del suo sentire sempre garbato mai eccessivo, piacevolmente poetico. La mostra sarà inaugurata il 9 novembre alle ore 17,00 con la presentazione del prof. Silvano Valentini e sarà visitabile fino al 17 novembre con i seguenti orari: sabato 16 novembre dalle 15,00 alle 18,30 - domenica 10 e 17 ottobre dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 14,00 alle 18,30 con ingresso libero.

domenica 16 ottobre 2011

I Parte

Questa nuova personale è senza dubbio completamente diversa da quelle postate fino ad ora, in primis per il contenuto che può più  o meno piacere e si può più o meno essere d'accordo proprio per i temi affrontati, ed è diversa per il diverso taglio che voglio dare.  

Incominicio col dire che è stato utilizzata una diversa impostazione, che  mi ha vista impegnata con Marina a sviluppare anche  un lavoro a quattro mani

Abbiamo pensato di accompagnare gli scritti del prof. SALOMONE, con alcune tavole spontanee ed immediate, fondendo il nostro pensiero sullo scritto proposto.
Sullo sfondo da me acquerellato  su foglio bianco, Marina ha sviluppato un suo pensiero con i mezzi che le sono più congeniale e cioè un programmino speciale con il quale si accompagna per creare  i suoi disegni.
Lavori semplici, ma secondo me molto efficaci e diretti.
Il risultato?
Lo  vedrete man man che inserirò i vari scritti  :

TUTTE LE OPERE LETTERARIE QUI POSTATE IN QUESTE PAGINE SONO DEL 
PROF. ANTONINO SALOMONE  /per gentil concessione della figlia Marina 



Ho paura di Marina e Carla - settembre 2011 - acquerello + elaborazione digitale 


Ho Paura


Ho paura, o mio Dio.
Ho paura degli atomi dei pazzi
ed anche di quelli dei savi
che non mi fanno più tanto pensare,
ho paura di morire
ma più ancora di vivere.
Ho tanta paura, o mio Dio,
ho paura d'essere solo
anche se tanti mi stanno dattorno;
ho paura di parlare
a chi sa,
a chi non sa e vuole ascoltare
le parole giuste e buone;
io non ho queste parole;
ho tanta paura, o mio Dio,
ho paura d'essere piccolo
e tanta, tanta paura
ch'altri mi stimi più grande.
Ho paura di chi non si fida,
ma più, certo, per chi mi presta
la sua fiducia intera;
ho paura delle mie parole.
Ho paura di tutto, o mio Dio:
del gelo che secca le piante
e del gelo di dentro al mio cuore;
ho paura di tutto, o mio Dio,
e non ho il Tuo santo timore.


----

Il figliuol Prodigo di Marina e Carla - settembre 2011 - acquerello + elaborazione digitale 

Il Figliuol Prodigo

Disse a suo padre un figlio:
– Dammi la parte che mi spetta,
lascia che vada per gli affari miei –
Si cercò suoi amici e sue donnine,
spese piuttosto presto i suoi denari;
si ritrovò per non morir di fame
servo d'un altro in mezzo ad un porcile.
Si sovvenne però che aveva un padre
e corse a lui; quel giorno
ci fu gran festa per quel suo ritorno.

Noi siamo andati via ormai da un pezzo
dalla casa del padre ch'è nei cieli;
ci siamo dimenticati pur la strada
e non abbiamo più voglia di tornare.
Del resto il padre è morto,
e se la casa non s'è disintegrata
potrà ospitare ogni fine settimana
chi si sarà stancato di campare.

 ------

Giuda : di Marina e Carla - settembre 2011 - acquerello + elaborazione digitale 

Giuda




“Non si può servire due padroni”
disse Gesù; e Giuda scelse per tempo il suo;
dopo quel bacio
non seppe più che farne del denaro,
non seppe più che farne della vita.

Non siamo così ingenui noi moderni:
sappiamo come spendere il denaro,
sappiamo cosa farne della vita.
Quanto al servire, non è più di moda:
non abbiamo padroni, per fortuna.
E se baciamo qualcuno per la strada,
lo facciamo così, senza badare,
pronti a protestare
se un agente ci porta dal pretore.



Vi invito a seguire questa ennesima personale on-line, molto diversa rispetto alle precedenti,
 che vedrà alla fine un pensiero utile ed interessante  per tutti da parte della 
dott.ssa Marina Salomone. 
SI CONTINUA ...