Traduttore

I miei blogs personali :

ENTRA NEL MIO SITO WWW.ARTECARLA.IT
-------------------
Ciao e benvenuti.
Mi chiamo Carla COLOMBO, sono una pittrice e scrivo di poesia, ma, poichè amo tanto l'arte , oltre al mio sito ed ai miei blogs che qui sotto vedete, ho aperto questa Galleria virtuale per dare spazio all'arte di altri artisti. A tutto il marzo 2017 hanno esposto la loro arte su queste pagine virtuali 100 artisti con diverse espressioni artistiche: pittura, scultura, poesia, musica, fotografia ed altro
..e per ora mi fermo qui con un caloroso saluto a tutti quanti. Contattatemi come e quando volete: arla_colombo@libero.it

Buona arte a tutti!

DESIDERI una recensione alla tua arte timbrata e firmata?

DESIDERI una recensione alla tua arte  timbrata e firmata?
Se desideri una recensione personale sulla tua pittura-scultura contattami e ti informerò di tutto. carla_colombo@libero.it oppure cliccando sul link sul lato destro di richiesta informazione

MOSTRA PERSONALE "...DI COLORE E DI POESIA"

MOSTRA PERSONALE "...DI COLORE E DI POESIA"
Ritorna l’appuntamento presso La Gardenia di Imbersago della mostra personale della pittrice imbersaghese Carla Colombo. Reduce dalla biennale di Venezia con il critico e storico d’arte Giorgio Grasso tenutasi nel mese di settembre, dal premio città di Novara, dal concorso CostieraArte di Maiori (Salerno) e dall’ultima personale “Materia emozionale” tenutasi presso il palazzo comunale di Imbersago, la Colombo in questa nuova proposta, che ha per titolo “…DI COLORE E DI POESIA” ripropone opere a tema la natura, con le sue belle manifestazioni di colori sempre diversi nelle varie stagioni e stati emozionali che la pittrice esterna con la sua abilità pittorica utilizzando l’olio che stende mirabilmente con la spatola. Non vediamo opere dettagliate, ma appunto stati emozionali, miscelati a cuore ed anima in un connubio di esaltazione poetica che rende il visitatore partecipe ed entra nell’opera stessa con lo stato d’animo positivo e osannante alla vita. La Colombo ama rappresentare e comunicare con i colori il suo sentire, il suo vivere e lo si coglie in ogni sua sfumatura che va oltre il semplice vedere, lo si percepisce da subito cogliendolo nelle sue molteplici opere. Le sue opere catturano non solo gli esperti d’arte, tanto da assegnare numerosi riconoscimenti al suo operato artistico, ma anche al visitatore disattento. Un invito dunque a visitare la mostra istallata in una splendida scenografia di fiori natalizi, di ciclamini, di piante che la Gardenia propone ogni anno ai suoi clienti in un nuovo modo di proporre arte e di fruire dello spettacolo naturale in un angolo di Brianza. La mostra ad ingresso gratuito è visitabile dal 14 dicembre al 19 gennaio - tutti i giorni (escluso il pomeriggio del 25-26 dicembre e 6-7 gennaio). per Informazioni: Carla Colombo 3495509930 – La Gardenia 0399277134 A. MAURI

giovedì 20 ottobre 2011

III Parte


ancora 

Immagini :  sfondo  acquerellato di Carla C.  su foglio bianco, Marina S.  ha sviluppato il suo pensiero con i mezzi che le sono più congeniale e cioè un programmino speciale con il quale si accompagna per creare  i suoi disegni.


TUTTE LE OPERE LETTERARIE QUI POSTATE IN QUESTE PAGINE SONO DEL 
PROF. ANTONINO SALOMONE  /per gentil concessione della figlia Marina 


Il discorso della montagna di Marina e Carla - acquerello+eleborazione digitale - settembre 2011 

Il Discorso della Montagna

Disse Gesù: Beati i poveri
e i mansueti,
gli afflitti e gli affamati.
Beati i puri di cuore,
che hanno la pace e sanno darla altrui;
i misericordi beati e i perseguiti,
che nel cielo saranno coronati.

Ma un altro disse ch'era tutto un trucco;
e gli uomini non vollero la pace,
corsero tutti dietro alla ricchezza;
non ebbero più fame di giustizia,
e alla sete trovaron refrigerio
aprendo il frigorifero.
Del cielo dicono di farne a meno
ora che un razzo li porta su la luna.
Ma non amano più gli uomini di oggi,
eppur s'illudono d'essere felici.

-----


La folla - di Marina e Carla - acquerello+eleborazione digitale - settembre 2011



La Folla

La carrozza del treno o il filobus,
i tavolini dei nights
o dei bar di periferia,
le piazze grandi dei paesini in festa
mostrano sempre un vasto campionario,
mostrano tutto, o quasi, ciò che siamo.
Non importa il colore del vestito
o la marca delle sigarette.
Lo sguardo, forse, tradisce una segreta pena
o un desiderio:
a chi sa intenderlo però.
Corriamo tutti via da qualche cosa;
o da noi stessi?
Cerchiamo sempre e non sappiamo che.
Se ci spinge la fame o più la nausea
non ha importanza; brancoliamo soli
e ci teniamo per mano;
forse da questo vediamo che siam soli.
Come in un carrozzone d'altri tempi
alla rinfusa
col freddo e col terrore;
o come sul barcone di Caronte
con una sola speranza in fondo al cuore,
con la speranza sola che si muore.

 -----


Il buon Samaritano - di Marina e Carla - acquerello+eleborazione digitale - settembre 2011 



Il Buon Samaritano

Solo e ferito sulla strada di Gerico
un uomo aspettava la sua ora:
un sacerdote, un levita
non se ne preoccuparono.
Un Samaritano invece lo raccolse
e lo portò all'albergo
e spese dei suoi soldi
per lo sconosciuto.

Non era poi del tutto sconosciuto
ché aveva mani e piedi come lui
e si lamentava pure con parole
umane.

Le strade d'oggi non son più deserte,
e non è facile inciampar nei sassi,
e nemmeno, di solito, in ladroni.
Si corre lievi sulle quattro ruote
e si sta attenti
ad evitare graffi alla carrozzeria;
solo, ogni tanto, un cane o giù di lì,
ci fa battere il cuore d'improvviso
e talvolta, di rado, anche il viso.
Ma non abbiamo il tempo di guardare
com'è finito il cane.

-----

Vi invito a seguire questa ennesima personale on-line, molto diversa rispetto alle precedenti,
 che vedrà alla fine un pensiero utile ed interessante  per tutti da parte della 
dott.ssa Marina Salomone. 


ED ANCORA