Traduttore

Se vuoi vedere le mie opere visita il mio sito :

I miei blogs personali :

ENTRA NEL MIO SITO WWW.ARTECARLA.IT
-------------------
Ciao e benvenuti.
Mi chiamo Carla COLOMBO, sono una pittrice e scrivo di poesia, ma, poichè amo tanto l'arte , oltre al mio sito ed ai miei blogs che qui sotto vedete, ho aperto questa Galleria virtuale per dare spazio all'arte di altri artisti. A tutto il marzo 2017 hanno esposto la loro arte su queste pagine virtuali 100 artisti con diverse espressioni artistiche: pittura, scultura, poesia, musica, fotografia ed altro
..e per ora mi fermo qui con un caloroso saluto a tutti quanti. Contattatemi come e quando volete: arla_colombo@libero.it

Buona arte a tutti!

DESIDERI una recensione alla tua arte timbrata e firmata?

DESIDERI una recensione alla tua arte  timbrata e firmata?
Se desideri una recensione personale sulla tua pittura-scultura contattami e ti informerò di tutto. carla_colombo@libero.it oppure cliccando sul link sul lato destro di richiesta informazione

MOSTRA PERSONALE ...DI SOLE E DI ME presso Centro Florovivaista LA GARDENIA, mbersago, dal 1 dicembre al 7 gennaio Per il quinto anno sarò ospite del centro vivaio LA GARDENIA di Imbersago che per il periodo natalizio arricchirà il proprio spazio di stelle di natale, ciclamini, composizioni ed addobbi vari. Le mie opere saranno inserite in questo splendido contesto e daranno all'insieme atmosfera accogliente e stupendamente accattivante.

venerdì 30 settembre 2011

Silvano Franzi ed il Suo occhio magico

Eccolo qui, l' occhio magico di
Silvano Franzi!
Vi presento in questa personale on.line
un artista (anche se lui non si vuole definire  tale) che ha fatto della fotografia e soprattutto dell'arte digitale la Sua compagna indefessa di vita.
Silvano è un "personaggio" - mi piace chiamarlo così -,  perchè è veramente una persona particolare, colma di entusiasmi,  di voglia di comunicare, di scherzare, sempre preso da mille contatti virtuali e non,  persona dalla facile battuta, preso moltissimo da questo mondo informatico. 
Il computer è il compagno  inseparabile della Sua giornata che, da ormai pensionato, si dedica alle elaborazioni di immagini con  programmi  vari a suo totale piacere, tenendo presente che Silvano non elabora fotografie scattate con macchina fotografiche. (mi chiedo come faccia, ma è così) .
Premetto che personalmente  capisco davvero poco di programmi di elaborazioni varie, ma ho come  l'impressione che per lui i programmi riservino funzioni particolari, diventando quasi complici. Ovviamente non è così, i programmi, si dice,  basta saperli usare...e lui lo sa fare molto bene, ma io penso che senza l'occhio particolare, quello artistico, quello cosidetto magico,  i programmi da soli non possono creare immagini suggestive, con la perfetta cromia, il taglio giusto,  ed i vari effetti "speciali"
Scherzando, ma mica tanto,   sostengo che Silvano nasconde qualche alchimia speciale, e le usa per ipnotizzare i programmi. Lui sorride e risponde ...ma no Carla...basta applicarsi.
  
Penso che  questa personale che presto  vado a proporre sia molto indicata per gli adetti ai lavori, ma anche a coloro che, profani come me, avranno modo di assaporare immagini particolari  dagli effetti speciali e di entrare in un mondo particolare che sicuramente non è da tutti, ma che comunque vale la pena di conoscere.

Silvano Franzi ci tiene molto a precisare che su  queste pagine non avremo un fotografo convenzionale, poichè molte immagini che vedrete sono state eseguite senza fotocamera....
e questa la dice lunga...aggiungo io!!!

amiche - amici
ECCO A  VOI
SILVANO FRANZI
(buona visione)





BIOGRAFIA : 

Cenni biografici riferiti ad una personale del 1981 tenuta con un collega ed amico di Silvano .
Nato a Verbania il 14 Gennaio 1945, fotografa da circa dieci anni, dapprima come fotoamatore, ora anche per scelta di lavoro. Il suo lavoro nasce dal grande interesse per l’elaborazione dell’immagine e gli effetti grafici, usa tecniche e procedimenti meccanici e chimici: solarizzazione, viraggi, fotogrammi (foto-grafia), chimigrammi, controllo del contrasto con maschere, conversione da immagine a tono continuo ad immagine al tratto, collages ed altri... I materiali usati sono tra i più disparati: da prodotti di qualità a pellicole e carte scadute, deteriorate, bagni esauriti e contaminati... tutto ciò che possa nell’intendimento dell’Autore portare al risultato voluto.                                                   
Silvano Franzi fa comunque anche della fotografia convenzionale
Ha partecipato a Mostre quali:
*        1977 - Gravellona Toce
*        1978 - 3a Mostra Nazionale d'Arte Fotografica di Perugia
*        1978 - Maggiora
*        1978 - S. Pietro Mosezzo
*        1979 - Casaleggio
*        1980 - Novara
*        1980/81- Collettiva C.F.C. Verbania
*        1981 - Personale a Villa Bernocchi Premeno
*        1982 - Una sua foto viene pubblicata dall’Agfa sul libro "IL COLORE E' UN’OPINIONE".                                                                                   D.R.S.  
SILVANO SCRIVE 
La mia storia (solo fotografica)

Dal 1975 al 1990 circa, ho utilizzato queste fotocamere, oltre ad altre attrezzature: ingranditori, reprocamera, bromografi, tavoli luminosi,  banco termostato, lampade, flash, accessori da sala di posa piuttosto, che camera oscura, esposimetri, telecomandi, le prime fotocellule ed altro che ora non ricordo. La maggior parte di queste macchine fotografiche le ho acquistate, altre mi erano date in uso dove ho lavorato o collaborato.
Quello che intendo dire è: certo dalla fotografia per hobby sono passato alla fotografia industriale, con a disposizione materiali che molti amatori non hanno, però molte mie
"opere" (mi piace chiamarle cosi, vanitoso!) sono state realizzate anche senza la macchina fotografica. Del resto, il foro stenopeico non l'ho inventato io! Basta un po' di fantasia.
Per farvi un esempio, fra le macchine che vedete la Lubitel 2 costava poche migliaia di lire ed era di plastica. Mi è stata regalata, nuova, da un amico fotografo, perché non si chiudeva bene (era scheggiata) e, con un po' di colla, piccola riparazione, ha fatto delle ottime fotografie.

Ne parlavamo nei circoli fotografici, quando qualche "fanatico", la prima cosa che faceva era domandare con che macchina avevi fatto la foto e, con che obbiettivo, prima ancora che guardarla ed, eventualmente, esaminarne il messaggio (qualora ve ne fosse), ostentando che lui possedeva l'Hasselblad.
Anch'io ho posseduto un Hasselblad 500 C, (la Rolls Roice delle fotocamere), ma per poco tempo. Era già troppo costosa allora, soprattutto gli obbiettivi. Di lei mi è rimasto solo un bellissimo libro: il manuale.

Altra macchina che mi è passata tra le mani era una "Seagul"reflex, semi distrutta, della quale non sono riuscito a trovare nessuna informazione, forse era cinese. Con essa ho fatto qualche foto, passava luce da ogni parte. Poi l'abbiamo smontata e l'ho utilizzata per quel foto-gramma dove racconto, scherzosamente, di aver distrutto una NIKON.

In realtà è presente anche lei, ma solo per lasciare la sagoma del corpo.Gli ingranaggi sono del "defunto gabbiano", piccola licenza, pardon, bugia poetica. La NIKON credo che fosse una F1 e sta bene ancora penso.
Attualmente posseggo ancora una NIKON FG e due MAMIYA M645 (4,5x6), una motorizzata, con pentaprisma elettronico AE, parecchi obbiettivi, sia sekor che nikkor, con adattatori per
poterli intercambiare sui tre corpi, un ingranditore, quattro proiettori per diapositive e, parecchi altri accessori, ma non fotografo più dagli anni 90.
E, per finire, se siete arrivati fino a questo punto, vi dirò le mie:
CONCLUSIONI E RIFLESSIONI
Nel 1985 circa, ho cambiato lavoro ed avendo fatto un corso di "Autocad" ho iniziato, a 40 anni, ad occuparmi di progettazione computerizzata, ero già appassionato di grafica e, di lì ad utilizzare sempre di più il P.C., abbandonando la reflex, il passo è stato breve.
Non voglio essere retorico però, le elaborazioni che ai miei tempi si facevano in camera oscura, oggi non hanno più senso.
Per fare una solarizzazione si doveva fare prendere luce alla pellicola durante lo sviluppo e, fare una serie di tentativi. Oggi si premono due tasti e il gioco è fatto. Quindi la soddisfazione che si provava un tempo va a farsi benedire! Inoltre, con una fotocamera digitale, che ho usato ma non ancora acquistato (perchè o NIKON o niente), se sbagli una foto con il computer la correggi, sia nell'esposizione che nell'inquadratura e, non sprechi nemmeno pellicola. A volte noi per una foto facevamo 5 scatti.
In un viaggio per un "reportage" anche amatoriale, facevamo 300 scatti, per selezionarne 50. Certo i "puristi" sostengono che una buona diapositiva ha una risoluzione migliore di un'immagine vista su un monitor LCD o, peggio ancora, su un TV casalingo. Ma vi ricordate le proiezioni di diapositive magari in dissolvenza e sonorizzate? Quanti cavi, centraline, cavalletti e, se cadeva un caricatore? Non vi è mai successo? Beati voi! A me sì. Secondo me questi non sanno usare un computer!
Scherzi a parte, un po' di nostalgia la provo anch'io, per quelle nottate d'estate (in mutande e canottiera, rovesciandomi addosso il fissaggio o lo sviluppo) passate in camera oscura ad inventare elaborazioni o esperimenti per poi scoprire sui "testi sacri" che Man Ray, Luigi Veronesi, o Paolo Gioli li avevano fatti molti anni prima.
Ora le tre di notte le faccio ancora, perchè da buon vecchio dormo poco, ma le passo facendo DVD di animazioni e, mi diverto parecchio.
Ora chiudo perché è quasi mattina e non vorrei diventare anche uno scrittore (meno male che non ne sono capace).
Ciao



------------

Ritengo interessante suggerirVi questo link di Silvano...indicatomi da lui stesso. Avrete modo di conoscere alcuni termine magari sconosciuti ( a me si) 
 http://www.silvanofranzi.it/fotografie/GLOSSARIO/GLOSSARIO.html   
 http://silvanofranzi.blogspot.com/p/piccolo-glossario.html 



desidero ora inserire le mail art con le quali Silvano Franzi ha partecipato alla collettiva 
MAIL ART IN AMICIZIA 
presso spazio ARTECARLA - Il mese di settembre
------
CARDINALI CON GIRASOLI, IN PROCESSIONE E SULLA NEVE 




































Alla fine delle personale Silvano Franzi omaggerà di una Sua bellissima ed artistica rielaborazione.




sabato 17 settembre 2011

Pausa con sorpresa


DAL 16 AL 30 SETTEMBRE QUESTA GALLERIA VIRTUALE DI ARTISTI VARI SI PRENDE UN BREVE PERIODO DI PAUSA, così avrete anche modo di sfogliare cliccando sui nomi dei vari artisti a sinistra del blog stesso.

 Questo blog è nato nel mese di gennaio 2010 con l' intento di  voler fare un regalo personale al mio amico prof. CARMELO COZZO di ADRANO, e la motivazione era solo quello di far conoscere la Sua arte al mondo web, essendo lui, professore ottantenne, impossibilitato ad entrare in questi spazi.
Successivamente e su richieste varie,  gli artisti  si sono via via aggiunti  in un continuo crescendo (ben 36 artisti!) ed ormai sono quasi due anni che questo blog sta funzionando alla grande con aumento di visite anche dall'estero, e dalle statistiche denoto che vengono visuliazzate anche pagine di artisti inseriti da tempo.
Come noterete dall'elenco posto a   sinistra  del blog per tutto l'anno lo spazio galleria è occupato, ma ciò non toglie che chi volesse tenere  una propria personale on-line può contattarmi senza problema : carla_colombo@libero.it

Lo spazio è curato da me gratuitamente in collaborazione stretta con l'artista proposto.
Non Vi nascondo che il lavoro svolto per ogni personale è piuttosto impegnativo, ma il mio interesse per l'arte tutta è talmente forte, che supero alcune difficoltà che trovo cammin facendo.
Sono grata a tutti loro che mi hanno regalato e mi regalano la loro fiducia, ma soprattutto  a tutti Voi che venite spesso a consultare, a sfogliare ed a commentare le mie varie proposte.

Mi ripeto, se desiderate  regalare  luminosità alla Vostra arte, conosciuta o non conosciuta, arte consolidata oppure agli inizi...(importante che lasci trasparire l'amore e la dedizione che l'arte tutta comporta), che aspettate, questo spazio fa per Voi!!!!

contattemi
carla_colombo@libero.it 
-----

Vi invito ora ,   se volete a giocare con me per l'estrazione della mia CHINA DI FANTASIA



Liberi in cielo - china su carta gr. 120 - dim cm. 21 x14,8 - anno 2011

che sarà spedita direttamente 
A COLEI O COLUI che sarà abbinato al numero del gioco del lotto che uscirà 
IL GIORNO 1 OTTOBRE SULLA RUOTA DI MILANO

Se il primo numero uscito non corrispondesse a nessuno, si passa al secondo e così via. 

COME FARE PER PARTECIPARE ?

SEMPLICE..
- basta iscriversi  entro il 30 settembre come Fellowers su questo blog ed anche sul mio personale 
http://artecarlacolombo.blogspot.com....non Vi chiedo nessuna pubblicità... basta solo esserci per poter assegnarVi un numero, e lasciare uno scritto...giusto per conoscerci - come da condizioni precedenti necessariamente ho considerato i fellowers da quando ho inserito questo premio e quindi da giugno. 

- per coloro invece che sono già iscritti da tempo, ed anche per coloro che non dispongono di un blog,  se lo gradiscono,  saranno inseriti nell'elenco lasciando semplicemente un commento  alla mia pittura  qui :  
da oggi 16 settembre. 
Potranno così entrare anche nella vincita di un acquerello previsto per festeggiare i miei 15 anni di ripresa artistica. (Sarà premiato il commento che più si addice alla mia pittura)

Credo di non aver altro da aggiungere, se non augurarVi Buona fortuna...ED A PRESTO, come sempre con un abbraccio globale e ci sentiamo presto con un nuovo artista. 


DA GIUGNO AD OGGI  16 SETTEMBRE
1 - Fentsu
2 - Franz
3 - Mario P.
4 - Sirio
5 - Rosa
6 - Mari 47
7 - Realizzare Bijoux
8 - Il calesse
9 - Lilly
10-Anna
11-Zicin
12-Arpamar
13-Elio
14-Antonella
15-Ana
16-Cannella
17-Rita
18-Maria
19-Erika
20-Amelia
21-Harr
22-Victoria Eugenia 
23-Maria
24-Cristina
25-Mimusca
26-Latulim
27-Rosario
28-Maresco
29-La Abuela
30-Matteo
31-Josè
32-Raquel
33-Silvia
34-Il Monticiano
35-Berto
36-Elan
37-Sibilla
38-Dony/per scelta non partecipa
39-Silvia
40-Francesco Zaffuto
41-Ernestina
42-Lory
43-Robert 
44-Arianna (commento sul sito)
45-Caty
46-Tiziano
47-Maria Luisa (commento sul sito)
48-Marina (commento sul sito)
49-Ambra (commento sul sito)
50-Sandra (commento sul sito)
51-FerMala (commento sul sito) 
52-Bruna (commento sul sito) 
53-Giada(commento sul sito) 
54-Prezzy(commento sul sito)
55-Alessandra(commentosul sito) 
56-Gabriella(commento sul sito)
57-Nina(commento sul sito) 
58-All That
59-Maria Rollo 
60-Maria Cristina Faleroni
61-Paola
----SI CONTINUAAAA 





Con il fiore delle farfalle, un'opera ad olio che ho dipinto nel 2010 , Vi saluto caramente dandoVoi appuntamento sempre su queste pagine e se volete conoscermi di più basta visitare il mio sito
www.artecarla.it oppure il mio blog http://artecarlacolombo.blogspot.com


ESTRAZIONE DEL LOTTO DEL 1 OTTOBRE 2011



Milano712135649



il numero vincente è il  N. 71 ma considerato il regolamento,  vince la CHINA DI FANTASIA  con il N. 2 :
RULLO DI TAMBUROOOO::::
f r a n z 
e pensare che Franz ha già in arrivo un'altra china...che gli ho spedito qualche giorno fa...che destino...
COMPLIMENTONI FRANZ - RIPASSAMI IL TUO INDIRIZZO in forma privata . 
ciaooo e grazie a tutti per la partecipazione  

giovedì 8 settembre 2011

Commiato finale..Maurizio Mancuso



Il mio regalo per il maestro Maurizio Mancuso

L'ARTE DEL MAESTRO MANCUSO 

Lavorando alle immagini del maestro Mancuso mi sono trovata immersa in un mondo particolare in cui  l'onirico si mescola al reale, lo storico al mitologico, la dolcezza alla crudeltà, la grazie alla grossolanità...e via dicendo..... un mix di vari  contrasti di questo nostro esistere. 
Il mondo artistico del maestro Mancuso è  ricavato da raffinate incisioni che trasmettendo con le dovute lavorazioni  il chiaro-scuro sul foglio,   denotano  tanta preziosità d'insieme e segni tangibili di un' arte ben costruita e assodata nel tempo. 
I vari trattamenti tipici delle incisioni  rendono queste opere pregiate ed uniche, sempre molto originali nella loro raffigurazione, non a caso di sono soffermata a lungo 
- sulle  incisioni che ho chiamato scenografiche poichè il  rappresentare la figura in un contesto ambientale è ciò che al maestro è più congeniale e lo si percepisce  subito. E'  sempre molto evocativo e mi rimanda ad immagini sui banchi di scuola quando con tutta la devozione possibile studiavo l'Eneide,  l'Odissea, (mi piaceva), oppure ci si addentrava nell'Olimpo e si passavano in rassegna i vari Dei...decantandone i pregi e le virtù, ma anche le varie dannazioni e crudeltà  
Che dire poi delle figure così espressive e  riprese in atteggiamenti non usuali? Probabilmente  il maestro ripone  nelle Sue opere tutta la triste realtà di oggi, di quanto sia difficile il proseguo del nostro vivere, in una società che purtroppo ci avvilisce e che imbruttisce anche i migliori sentimenti. Tra l'altro  troviamo questi nostri disagi ben esternati  negli scritti poetici che si amalgamano alla perfezione con le varie tavole incise.
Immagini dunque che potrebbero al primo sguardo portare un certo disagio per la cruda rappresentazione, ma che, se riusciamo a vedere oltre scorgiamo un messaggio positivo. 
Mi fermo qui, ma vorrei veramente rendere merito a queste opere con tutto il mio plauso e con tutta l'ammirazione possibile per il maestro Maurizo Mancuso che iperterrito continua  nella sua arte con cognizione e convinzione,  senza  lasciarsi  influenza minimamente  da ciò che oggi l'arte propina a volte anche in modo molto "di fracasso" che non ha nulla a che fare con la vera arte.
Come non ci si può definire pittore dove aver dipinto solo qualche tela, penso veramente che non si può definire un pittore ..un artista se... oltre all'acquisizione della tecnica, della cromia, delle regole fondamentali per una valida opera, non si riesce a dare un'impronta personale e riuscire ad andare oltre della semplice raffigurazione.
Penso che il maestro Mancuso si possa definire tranquillamente ...un artista...poichè la Sua arte, che può piacere o non piacere, ha comunque il pregio di essere riconosciuta, identificata.
Mi viene spontaneo definire   l'arte del maestro : Una scossa per redimere questa Società - e se ho sbagliato nel leggere questa interpretazione, spero che l'amici maestro Maurizio Mancuso mi vorrà perdonare.
Con stima ed ammirazione e grazie per questo nostro connubio artistico. 
Carla Colombo
6 settembre 2011 
-------------------

Potrete  sempre visualizzare la pagina del maestro cliccando a sinistra del blog sul nome del maestro 

Intanto Vi lascio alcuni dati

Maurizio Mancuso

sito :
http://mancusoincisore.weebly.com/

DAL dicembre 2011 il maestro Mancuso dispone anche di un personale BLOG

 http://mancusoincisore.weebly.com/blog.html
Borzonasca (GE)
Italia
e-mail: maurizio.mancuso.37@alice.it
-------

AL TERMINE DELLA PERSONALE IL MAESTRO SCEGLIERA' CHI OMAGGIARE....DELLE DUE SPLENDIDE INCISIONI E DEI SUOI LIBRI POETICI. 

LE INCISIONI 

Vecchia cinese 


Donna reclinata 

I TESTI POETICI 



A PRESTISSIMO...ma Voi non perdete di vista queste pagine e se volete lo spazio commenti è sempre aperto...Io il 12 settembre Vi lascio per qualche giorno, ma al 15 settembre  ci risentiamo...promesso!!!
















ELENCO DEI PREMIATI
16 settembre 2011 

Riceveranno la stampa delle incisioni :
ROSA - VECCHIA CINESE 
ROMEO - DONNE RECLINATA -

IN  via del tutto eccezionale il maestro MANCUSO omaggerà con i suoi  DUE volumi di poesia quattro amici, anzichè due, visto le tante visite alle Sue pagine .

Riceveranno dunque i due volumi di poesie con dedica personale :

ZICIN 
IL CALESSE (Lucia)
A.G.MOTTA
NINFA 

per le visite costanti ed i commenti pertinenti .

Prego gli amici di farmi avere in forma privata, tramite il mio indirizzo e-mail
carla_colombo@libero.it
IL PROPRIO INDIRIZZO DI RECAPITO POSTALE
(I premi saranno spediti con spese a carico del maestro Mancuso) 


GRAZIE A TUTTI....non perdete di vista questo blog.



mercoledì 7 settembre 2011

VI Galleria . Teatro



Una pagina che richiede un momento di approfondimento 

Presentazione delle pitture eseguite all’interno del Teatro Comunale di Borzonasca

scrive Maurizio Mancuso 
È dall’Ottobre del 2003 che risiedo a Borzonasca. Ho aderito volentieri all’invito della signora Rita Deschmann, assessore alla Cultura di Borzonasca, di eseguire un ciclo pittorico ispirato alle Muse temi classici della mitologia greca.
Le muse, sono figlie di Mnemosine e di Zeus, e sono nove sorelle, frutto di nove notti d’amore. Mnemosine, la madre delle muse, è la personificazione della Memoria. Zeus è il dio della luce e del fulmine, re degli uomini e degli dei dell’Olimpo.Il mito delle muse rimanda al primato della Musica (e della Matematica) nell’Universo. Le muse promuovono il Pensiero antico in tutte le sue forme: eloquenza, pensiero filosofico e scientifico, storia, matematica, astronomia. Esse promuovono soprattutto l’Armonia, la capacità di placare i conflitti e di promuovere la vita civile nella Polis.
Le muse raffigurate nel teatro comunale di Borzonasca sono quattro. Prima in dignità viene Calliope che presiede la poesia epica, raffigurata mentre suona l’arpa. 


La musa Polimnia promuove invece la pantomina, cioè la beffarda rappresentazione della commedia umana.
 Euterpe suona il flauto, negli assolati pomeriggi d’estate, allietando i sonni meridiani degli agricoltori e dei pastori. 
Melpomene invece, con gli occhi bistrati e la bocca dolorosa rappresenta la tragedia, ad ammonimento dei cittadini, poco rispettosi delle leggi.

Un’altra pittura esposta nel teatro rappresenta la scena del commiato di Orfeo da Euridice. Nel mito greco, in genere Orfeo viene menzionato come figlio della musa Calliope e vicino all’Olimpo. Orfeo è il Cantore, il musico ed il poeta che sa ammansire col suo canto le bestie più feroci e sedare le tempeste del mare durante la navigazione. Il mito piu’ celebre relativo ad Orfeo è quello della sua discesa agli Inferi per amore della moglie Euridice (vedi il quarto libro delle Georgiche di Virgilio). Euridice è una ninfa. Passeggia lungo un fiume della Tracia, calpesta un serpente che la morde, uccidendola. Orfeo, disperato scende agl’Inferi per cercarvi la moglie. Suona la sua lira o cetra, ammansisce i mostri infernali. Ade e Persefone, gli dei infernali, acconsentono a restituire Euridice al marito che la guiderà verso l’uscita, verso la luce, tenendola per mano, alla condizione di non voltarsi a guardarla in viso
       Venere Celeste.
 Orfeo, poco prima di uscire dalla porta dell’Inferno, colto dal dubbio atroce di essere stato ingannato, si volta per accertarsi che sia proprio Euridice l’essere che lo segue. Così Euridice muore nuovamente e fugge come un’ombra aspirata dall’inferno profondo, abbandonando Orfeo. Lui inutilmente la insegue ma viene bloccato da Caronte, inesorabile guardiano infernale. I personaggi raffigurati sono Ermes, il dio messaggero, tramite tra gli dei e gli uomini, Euridice ed Orfeo. È il momento del distacco e della separazione definitiva. E’ un mito precristiano. Sembra che Il mito di Orfeo abbia fortemente influenzato il Cristianesimo primitivo.
Un’altra pittura raffigura la Venere o Afrodite Celeste (o Urania). In realtà nel mito greco Afrodite è nata dal mare di Cipro, fecondato dallo sperma di Urano ed è la dea dell’Amore. Solo con Platone viene immaginata l’esistenza di due Afrodite diverse. L’una,nata da Urano (il Cielo), Afrodite Urania, dea dell’amore puro. L’altra, figlia di Dione, l’Afrodite Pandemia cioè l’Afrodite popolare, dea dell’amore fisico.
Un’altra pittura ancora è una rielaborazione del famoso e discusso “trono Ludovisi”, che raffigura la nascita di Afrodite. Il Trono Ludovisi è un bassorilievo, custodito nel palazzo Altemps, a Roma. Rappresenta la nascita di Afrodite dalla spuma del mare, sorretta  da due horai. Lateralmente sono rappresentate due figure sedute su un cuscino: a sinistra una ragazza nuda che suona il flauto, a destra una donna col mantello rialzato sulla testa che pone in un bruciaprofumi grani di incenso presi da una pisside.
Potrete infine ammirare le “maschere”, ottenute per calco su assi imbiancate a gesso. Le ultime due pitture eseguite sono: ”La straniera”,opera su tela, ed un ritratto di donna ispirata da una poesia di Catullo dal nome “Armonia”, anche questo su tela.
Borzonasca,4 Marzo 2009



disegno  tratto da :  Alice paese delle meraviglie


La straniera
.


Αρμονία (Armonia).




La nascita di Venere


.

Commiato di Orfeo da Euridice 



Che dire...Maurizio ne parla come se stesse raccontando una storia di tutti i giorni, per noi comuni mortali non tutto è così "semplice"come lui descrive in modo appassionato.
Vi aspetto per l'ultima pagina per il saluto finale e nella stessa pagina, prima della chiusura, saranno indicati i nominativi degli amici scelti dal maestro per l'assegnazione dei suoi  regali artistici. 
A presto.... 


martedì 6 settembre 2011

V Galleria . Disegni vari


Le incisioni e le poesie  non sono l'unico modo di esprimere il proprio stato d'animo, la propria passione artistica.
Questi disegni sono l'esempio di come il maestro MANCUSO si diletta con il disegno...




Disastro
disegno - 2006 





Grande stanza con visione

disegno - 2007 





Giovane signore e la sua ombra
disegno . 2011 




Igor 
disegno - 2010



Giardino d'autunno
disegno . anno 2010




Catasfrofe
disegno - anno 2005




Conchiglia sospesa 
elaborazione photoshop anno 2004




disegno a fumetto 
anno 2007


VI avevo avvisato che non siamo davanti ad un artista "semplice".
La complessità che manifesta nel suo esprimere è per l'artista Mancuso cosa di tutti i giorni.

..ancora......

domenica 4 settembre 2011

III Galleria . altre incisioni - Figure e varie



ancora INCISIONI
FIGURE - E VARIE 



Natura
2000 - maniera zucchero ed acquaforte 




I lottatori 
1999 - puntasecca 



I tuffatori
maniera zucchero 




Forma e informe
1999 - maniera zucchero ed acquaforte 





Cesaria Evora 
tecnica acquaforte 
(apro una PARENTESI secondo me interessante, Maurizio mi perdonerà, se interrompo un attimo con questo scritto. ricavato da Wikipedia)

Cesária Évora (Mindelo27 agosto 1941) è una cantante capoverdiana.
Soprannominata la “diva a piedi nudi” per la sua abitudine di esibirsi scalza, Cesária Évora è probabilmente la cantante di morna più conosciuta al mondo.



Biografia

Cesária Évora perde il padre all'età di sette anni. Sua madre si sforza così di mantenerla impiegando i magri guadagni che le venivano dal lavoro di cuoca, e alla fine affidandola alle cure di un orfanotrofio. È stato nel coro dell'orfanotrofio che Cesária ha cominciato a cantare.
A sedici anni, Cesária conosce un marinaio capoverdiano di nome Eduardo che le insegna gli stili tradizionali della musica di Capo Verde, la coladeira e lamorna. Le morne sono canzoni di tristezza, malinconia e desiderio, caratterizzate da un tempo lento. Comincia allora a cantare nei bar e negli hotel. Con l'aiuto di musicisti locali, raffìna il suo talento tanto da farsi soprannominare "Regina della morna" dai suoi ammiratori. Diviene famosa a Capo Verde, pur rimanendo relativamente sconosciuta all'estero.
Cesária aveva uno zio noto musicista e autore di canzoni che usava lo pseudonimo di B. Leza (un gioco di parole su beleza, ossia "bellezza"). Molte delle più belle canzoni nei primi album di Cesária sono sue.
Cesária Évora era famosa al tempo ma la fama non le portò benessere economico. Frustrata da problemi di ordine personale quanto economico, sommati alle serie difficoltà politiche ed economiche di Capo Verde, Cesária Évora rinunciò a cantare per mantenere la famiglia. Non ha cantato per dieci anni, periodo che lei descrive come dieci "anni oscuri".
Cesária riprese a cantare dopo essere stata incoraggiata da un esule capoverdiano, musicista e patrono delle arti, Bana, che viveva in Portogallo. Le procurò inviti in Portogallo dove lei eseguì una serie di concerti con il supporto di un'organizzazione femminile.
José Da Silva, un francese di origine capoverdiana la persuase ad andare a Parigi dove lei registrò un nuovo album. La diva aux pieds nus (La diva a piedi nudi) nel 1988. La canzone “Sodade” è stato il suo primo successo internazionale, il primo successo per una canzone non francese in Francia, e segnò l'inizio della sua fama internazionale. La parola portoghese saudade significa nostalgia, struggimento, rimpianto. L'espressione della "sodade" è un elemento importante della musica di Capo Verde. L'album segnò il suo ritorno sulle scene e ottenne successo di critica e di vendite che è aumentato con l'album Miss Perfumado. È diventata una stella della musica internazionale all'età di quarantasette anni.

(tutto serve per conoscere)....

Ulula 
1998 - puntasecca 


passero di Savannah

..ma non finisce qui...continuate a seguire. ciaooo