Traduttore

Se vuoi vedere le mie opere visita il mio sito :

I miei blogs personali :

ENTRA NEL MIO SITO WWW.ARTECARLA.IT
-------------------
Ciao e benvenuti.
Mi chiamo Carla COLOMBO, sono una pittrice e scrivo di poesia, ma, poichè amo tanto l'arte , oltre al mio sito ed ai miei blogs che qui sotto vedete, ho aperto questa Galleria virtuale per dare spazio all'arte di altri artisti. A tutto il marzo 2017 hanno esposto la loro arte su queste pagine virtuali 100 artisti con diverse espressioni artistiche: pittura, scultura, poesia, musica, fotografia ed altro
..e per ora mi fermo qui con un caloroso saluto a tutti quanti. Contattatemi come e quando volete: arla_colombo@libero.it

Buona arte a tutti!

DESIDERI una recensione alla tua arte timbrata e firmata?

DESIDERI una recensione alla tua arte  timbrata e firmata?
Se desideri una recensione personale sulla tua pittura-scultura contattami e ti informerò di tutto. carla_colombo@libero.it oppure cliccando sul link sul lato destro di richiesta informazione

MOSTRA PERSONALE ...DI SOLE E DI ME presso Centro Florovivaista LA GARDENIA, mbersago, dal 1 dicembre al 7 gennaio Per il quinto anno sarò ospite del centro vivaio LA GARDENIA di Imbersago che per il periodo natalizio arricchirà il proprio spazio di stelle di natale, ciclamini, composizioni ed addobbi vari. Le mie opere saranno inserite in questo splendido contesto e daranno all'insieme atmosfera accogliente e stupendamente accattivante.

giovedì 16 dicembre 2010

SCRIVONO DI LEI...

ALCUNE RECENSIONI sull'arte di Gabriella :



IL MONDO PITTORICO DI GABRIELLA DUMAS

E' una artista completa: passa da un genere all'altro con. facilità e ci coinvolge:
acquarello, grafica, pittura murale, scultura e da una tecnica all'altra utilizzando legno, marmo, resine, fibre tessili e variando i soggetti con la creazione di figure e paesaggi che esaltando la sua originalità fanno riflettere lo spettatore nello scoprire la vitalità, il calore, l'umanità che si esteriorizza dai quadri e dalle sculture,
Nella Sua ultima recente mostra mi ha colpito della Dumas l'amalgama tra colore e figure, la dolcezza delle sue donne esaltate nella loro vita quotidiana, i paesaggi autunnali con colori verdi mescolati con gli ocra, i paesaggi marini ove l'azzurro del cielo sembra confondersi, ma si distingue, da quello del mare.
L'arte si evolve, cerca nuovi traguardi, vuoi fornire nuovi messaggi, non è mai ferma, così anche l'io interiore della Dumas si estrinseca in nuove forme espressive che pur nella continuità creativa raggiunge nuove vette per creare un'armonia e una rappresentazione direi impressionista moderna del paesaggio e della figura umana.
L’evocazione delle esperienze della Dumas incide nella nostra mente il ricordo di qualcosa che, ad un tempo, rende l'artista partecipe delle sensazioni altrui e l'altrui parte del discorso artistico dell'autrice ed entra nel cuore e nella mente di chi guarda trasformandolo ad attore protagonista delle sensazioni dell'artista.
2007

Dott. Nicola Funari
Assessore alla cultura della provincia di Venezia




Gabriella Dumas nasce come pittrice quel giorno che ancora bambina, inseguendo le ombre sul muro e aggiungendovi ciò che la sua fantasia vedeva, dipingeva con un lapis blu la parete della sua stanza. Fu la scoperta di un nuovo mondo fantastico e senza frontiere, far vivere quello che la fantasia le faceva vedere.

Da quei primi disegni, semplici ma già significativi di un’arte innata, la sua tecnica, accompagnata da una fortissima passione, diventa sempre più sicura e personale.
Principalmente i protagonisti della sua pittura nel periodo giovanile sono gli elementi della sua terra, il Polesine, e la sua gente. I silenzi magici, quelle atmosfere cariche di pathos degli orizzonti infiniti o di angoli lacustri nascosti. I colori sono i verdi che si mescolano con gli ocra dei paesaggi autunnali, i rossi scrostati delle vecchie case polesane, l’azzurro del cielo che si confonde con quello del mare.
Tra le rughe dei suoi “vecchi” la rassegnazione e la sofferenza , la fatica quotidiana di vivere delle genti, caratteristiche esteriori, ma in queste espressioni anche quello che c’è di più profondo in ogni persona, l’anima, l’anima della sua gente.
Importantissima l’esperienza fatta presso la scuola del maestro Alfredo Forzato, pittore di Adria, che la porteranno a estrinsecare nel modo migliore il suo lato interiore, portandola ad una evoluzione costante rivolta a raccontare con la sua arte il suo mondo emotivo, affascinante e poetico.
Con il “Gruppo artistico polesano” fa altresì esperienze di grafica, serigrafia, acquerello e pittura murale (murales dell’isola di Albarella)
Dopo aver vissuto in Grecia e Sudan i suoi tratti pittorici, le sue pennellate, i colori, aiutati anche da un fondo personalizzato ad imitare un affresco, diventano più decisi più forti come a ricordare i colori e le atmosfere più decise di quei luoghi.
Recentemente, con l’ausilio di resine amalgamate con vari materiali, Dumas ha ottenuto nuove forme pittoriche, creando drappeggi da inserire nei suoi quadri o acconciature per le sue affascinanti figure femminili dando alle stesse effetti tridimensionali.
Ultimamente la Dumas sta facendo ricerca anche nella scultura usando oltre le resine materiali eterogenei, che spaziano dal marmo al legno alle fibre tessili ottenendo risultati nuovi e moderni. Pur non trascurando la classicità nelle figure, si sta inoltrando in nuovi spazi che potrebbero portarla ad azzardare la sua tecnica e coltivare quella sua parte di originalità che la differenzia dal panorama artistico attuale.
2006
(M.T.)




Il mondo pittorico di Gabriella Dumas, artista riconducibile al filone impressionista, è un fermento di idee che progredisce in forma geometrica per cui in essa si può intravvedere una evoluzione, o meglio ancora una serie di evoluzioni, che la porteranno, quale necessaria estrinsecazione di una insopprimibile tendenza interiore, verso il modernismo o art nouveau, nei termini in cui si può riscontrare, ad esempio, nella grazia fresca e vivace dei ritratti di donna di Tranquillo Cremona e nelle madonne famosissime di Gaetano Previati, eteree ed amateriche.

Dott. Enrico Mancin
Giornalista "Il Gazzettino"



L'INTENSA RICERCA ARTISTICA DI GABRIELLA DUMAS

Gabriella Dumas è una pittrice che sa imprimere il sigillo della creazione artistica a qualsiasi cosa dipinge o realizza, a prescindere dal genere o dal soggetto prescelti, dalla tecnica utilizzata o dalla tendenza a cui s’ispira, ed è tra i pochi artisti di oggi che lo sappiano fare in modo così naturale e spontaneo e, in ogni caso, con risultati di grande spessore interpretativo e comunicativo, sempre a livelli d’eccellenza.
Da un lato l’artista ci presenta scorci paesaggistici, dipinti anche en plein air alla maniera dei grandi impressionisti, dove si fondono perfettamente forza della natura e tenera poesia dei sentimenti e delle emozioni, come ad esempio, tra le sue ultime opere, l’intensa raffigurazione di un vecchio mulino scovato in un’incantevole località francese nella Valle della Loira, oppure figure umane, corpi e volti di energica e allo stesso tempo elegante incisività rappresentativa, in una originale modalità figurativa moderatamente espressionista.
Dall’altro lato Gabriella Dumas si inoltra, con indubbia abilità e altrettanto coraggio, nelle difficili ma anche estremamente affascinanti lande artistiche dell’informale, con veloci e decise puntate verso l’astratto e il concettuale. Possiamo così ammirare dipinti di grande effetto cromatico, con le masse di colore che si contrappongono, si sovrappongono e si respingono in un sottile gioco di gradevoli armonie, e opere polimateriche dai complessi significati esistenziali.
In quest’ultimo caso, l’artista si avvale di materiali vari di uso comune, come carta, legno, metallo, chiodi e altro, con l’aggiunta di detti, frasi e brani particolarmente significativi, per assemblare un’opera d’arte da gettare nella mischia, ossia che possa dire, artisticamente, la sua e quella dell’autrice sui più importanti e urgenti problemi sociali del nostro tempo, da cui un vero artista non si estrania mai.
Come si vede, un’arte a tutto tondo, quella di Gabriella Dumas, una piacevole sintesi, per noi fruitori delle sue opere, di bellezza estetica e profondità di contenuti, in una costante e rigorosa ricerca formale e di sostanza.
Agosto 2007

Dott. Silvano Valentini
Critico d'arte




MOSTRE E CONCORSI

Gabriella Dumas ha partecipato a varie collettive, in sede regionale e nazionale.

Galleria Cordella -Adria (Ro) - 1980/81/82
Mostra itinerante”L’arte contro la violenza per la pace e la solidarietà” -Bologna, Roma, Pomposa (Ferrara), Treviglio (Bergamo), Lecco- Padova 1981
Premio “Nello Beghin” -Vigonza (Pd)- 1981
Isola di Albarella -Albarella (Ro) 1981/82
Biennale nazionale d’arte di pittura e grafica “R. Ferruzzi” -Torreglia (Pd)- 1984
Galleria Etruria “I rassegna della grafica Polesana” -Adria (Ro)- 1984
Museo della Bonifica del Delta di Ca’Vendramin -Taglio di Po (Ro)- 2006
Mostra “La pace inizia con…” -Rovigo- 2007
Mostra “Tra fiumi e colori” Villa Widmann Rezzonico Foscari -Mira (Ve)- 2007
Collettiva “Festa dello Sport” -Rovigo- 2007
IX Premio internazionale “L’Arcobaleno” Randonnee de l’art -Mezieres en Brenne, Chatillon- Loira Francia- 2007
Personale -Hotel Tritone Abano Terme (PD)-2007/2008
“1° Exposition culturelle d’art sacrè et d’artisanant d’art”
Linas (Parigi) Francia 2009
1°Premio Internazionale di pittura, scultura e grafica Città di New York
New York gennaio 2010 - finalista
Mostra personale "Dal figurativo all' astratto" all' Hotel Alexander di Agrinio in Grecia - Febbraio 2010.
Galleria "Il Tempio " di Palermo - maggio 2010
Galleria "SHUNT" di Paestum - luglio 2010
XII Premio Internazionale "L'Arcobaleno" Paestum - luglio 2010
Galerie ART' et Miss- Parigi agosto-settembre-ottobre 2010
Museo del Louvre - Carrousel du Louvre - Parigi ottobre 2010
I MAGNIFICI 31 - collettiva presso ArteCarla - Imbersago Lc. ottobre 2010
Personale on-line - blog lavostraarte di Carla Colombo dal 16 al 31 dicembre 2010 (in corso su questo blog)
Galleria d' Arte "Artisti del Delta" - Porto Viro  Rovigo dal 18 al 22 dicembre 2010

in programma per il 2011

- Biennale di Arte Sacra - Linas - Parigi Dal 4 al 6 Febbraio
- XII Premio Internazionale " L' Arcobaleno " Linas - Parigi - luglio 2011
- XIII Premio Internazionale " L'Arcobaleno " Porto Viro - Rovigo - settembre 2011
- Salon d'Art Contemporain au Carrousel du Louvre - Museo del Louvre - Parigi - ottobre 2011

------------
Le opere di Gabriella Dumas si trovano in collezioni private e pubblichein Italia, Ethiopia , Grecia, Nigeria, Sudan, U.S.A., Francia, Russia.
Recensioni su :“Il Gazzettino”, “Il Resto del Carlino”, “La Voce di Rovigo”, "La Nuova Scintilla", "La Piazza" .
Si sono interessate a lei con interviste e servizi , TeleChiara, Canale Italia, Tele Agrinio.

solo un assaggio..per ora!
Il nastro rosso - 50x70 - olio su tela - 1982
logo dell'ARTISTA   


mi piace a questo punto aprire una piccola parentesi, giusto per farVi comprendere qualcosa di più di Gabriella Dumas, che tra l'altro ho anticipato anche sul mio blog personale, perchè la reputo molto valida come "morale" ma le immagini che Vi mostro mi hanno trasmesso un senso di tenerezza infinita
(dietro ad ogni gesto c'è sempre una parte di noi - io penso)

Vi sembrerà fuori tema, ma penso che sia carino ed alquanto efficace inserire questo regalo, che Gabriella, dopo avermi mandato le immagini per la Sua personale, mi ha inviato con un semplice..ciaooooooooooo

Oggetto: LA FAVOLA DEL RICCIO


Durante l'era glaciale molti animali morirono per il freddo.
I ricci se ne accorsero e decisero di unirsi in gruppo e aiutarsi. In questo modo si proteggevano, ma le spine di ognuno ferivano i compagni più vicini che davano calore. Perciò decisero di allontanarsi e iniziarono a congelare e a morire.
Così capirono che o accettavano le spine del compagno vicino oppure sparivano dalla terra e morivano in massa. Con saggezza decisero di tornare tutti insieme. In questo modo impararono a convivere con le piccole ferite che un compagno vicino può causare, dato che la cosa più importante era il calore dell'altro.
In questo modo sopravvissero...

Morale della Favola:

Le relazioni migliori non sono quelle con delle persone perfette, ma quelle nelle quali ogni individuo impara a vivere con i difetti degli altri e ad ammirarne le qualità





Gabriella me l'ha regalata ed io la regalo a tutti Voi amiche e amici miei.
--------------

CI VEDIAMO DOMANI CON LA PRIMA CARELLATA DI OPERE


20 commenti:

  1. Stupendo il "Nastro Rosso"!! E anche il riccino...che tenerezza! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  2. Assaggio sostanzioso!
    Dev'essere emozionante sentirsi "raccontare" con tanta profondità e competenza!

    RispondiElimina
  3. Ho letto tutto, ora aspetto di vedere le opere. La premessa è entusiasmante.saluti e grazie
    A.G. MOTTA

    RispondiElimina
  4. Arianna, non avevo mai visto un riccio così..dal sotto!
    Son odavvero molto teneri.
    Tra l'altro Gabriella mi ha raccontato di avere una famiglia di ricci nel suo giardino.
    sono bellissimi e teneri.
    ciaooo e grazie

    RispondiElimina
  5. Quando si ricevono recensioni spassionate è sempre piacevole ed ogni volta è bello leggere ciò che altri pensano della tua arte....sentiamo Gabri che dice......
    ciaoo Sandra

    RispondiElimina
  6. ..e vedrai che ti inserisco Motta....aspettami.
    ciaooo

    RispondiElimina
  7. Sono appena rientrata e la prima cosa che faccio è scaricare la posta e ... catapultarmi sul blog di Carla! grazie Arianna, Sandra, A.G. dei commenti , in questa giornata di neve scaldano più di un camino acceso!!! Bella questa esperienza che mi fai provare Carla! E nuova per me che, pur avendo esposto in molte gallerie e anche musei importanti non mi sono quasi mai esposta al commento. Alle volte da dietro un pannello riesco a catturare qualche parola senza che mi vedano.... ma così è molto più bello!!!
    Ciao a tutti!

    RispondiElimina
  8. Credenziali molto valide. Ma anche senza queste "Il nastro rosso" mi piace molto!

    RispondiElimina
  9. Un curriculum di tutto rispetto: Complimenti Gabriella!
    E questo primo olio che Carla definisce "solo un assaggio" predispone all'aspettativa di vere leccornie.

    RispondiElimina
  10. Ciao Carla e Gabriella! Complimenti per le mostre e le recensioni!Ma soprattutto: stupendo il nudo! Il riccio lo avevo visto nell'altro blog,è troppo bello!
    Bacioni bozzolesi da Prezzy!

    RispondiElimina
  11. Ciao Carla, questi sono giorni incasinati per me, purtroppo mi ritrovo la sera con tante cose ancora da fare e non riesco neppure a girarmi con tutte le scatole posizionate qua e la per i motivi che ti ho appena lasciato sull'altro blog...ma quando ho letto e visto questa donna affascinante mi sono detta ma che diavolo non posso far scappare questa occasione, anche se sono già sicura che volerà da tutt'altra parte perchè io non sono all'altezza dei tuoi amici che scrivono recensioni mozzafiato.

    Cara Gabriella, noi non ci conosciamo personalmente ma ti confido che guardando il tuo operato e leggendo le definizioni che ti hanno regalato ho immediatamente capito che sei speciale! In ogni tuo tocco di colore, in ogni tuo gesto, in ogni tua parola c'è una piccola parte di Te; la tua naturalezza e il tuo modo di porti richiamano la mia attenzione e mi trovo nel tuo mondo, mi sento presente e mi sembra di vivere dal vero le tue emozioni.Il bello del tuo essere artista è la tua semplicità di esternare e la tua maestria nell'accogliere chi ti circonda e ti osserva.
    Non sono sicura che riuscirai a comprendere il mio pensiero forse un po distorto ma spero tanto che la mia ammirazione arrivi al tuo cuore come tu hai fatto al mio, un abbraccio e auguri di buone feste.
    Saluti grandi. Maria Luisa

    RispondiElimina
  12. Il dipinto presentato in questo post è a dir poco stupendo. Non vedo l'ora di ammirare le altre opere!

    RispondiElimina
  13. Krilu' non ti faccio aspettare molto per vedere le varie opere.
    ciaooo a presto

    RispondiElimina
  14. MariaLuisa ho letto sull'altro mio blog che sei indafaratissima per via della cucina nuova che ti deve arrivare.
    Pensa però poi che bello...una cucina nuovissima!
    Avrai poi una voglia eccelsa di cucinare..o no?
    Desidero anche io di cambiarla (ha 37 anni) ma mio marito dice che non è il caso perchè è ancora valida...ma vedendo quelle super cucine di oggi lo farei volentieri un bel cambio.

    La tua recensione la lascio a Gabri...ma non ti perdere le altre pagione dove troverai le varie opere.ciaoooo

    RispondiElimina
  15. Ciao Adriano.... hai ragione, le "credenziali" servono fino ad un certo punto. alle volte ci si fa prendere dal parossismo della critica, dell' articolo di giornale, della recensione... poi .. alla fine , un quadro o una scultura , un disegno o una grafica, non sono altro che il prolungamento di quello che facevano i nostri progenitori nelle caverne della preistoria: cercare di "possedere" quello che raffiguravano, tutto il resto sono ...fumo negli occhi!!! :)
    Grazie del commento, anch' io amo molto "Il nastro rosso" tanto che ne ho fatto il mio logo.

    RispondiElimina
  16. Ciao Maria Luisa,
    ... tutto quello che hai scritto... l'ho riletto tre volte , così da leggere più tra le pause che le parole, e quindi ho capito benissimo benissimo il tuo "pensiero distorto" ;)) ! siamo distorte nello stesso modo!
    Tanto che vi chiedo scusa se con le parole non riuscirò ad esprimere bene come vorrei la risposta ai vostri commenti.... d' altra parte, è per quello che dipingo!!!!
    Grazie anche a Krilù, Rita e Giada.
    Carla... la tua cucina datata, ha ragione tuo marito! fra un po' è un pezzo di antiquariato se te ne vuoi sbarazzare mi propongo per comperarla io!!! baci a tutti!

    RispondiElimina
  17. ahahahaha Gabri...accidenti!!!Tra l'altro mi sono sbagliata. HA 33 ANNI e non 37 ..che dici Gabri è ancora giovane?

    Per ora non se ne parla, vedremo Gabri, Ti contatterò più avanti.

    Sei diventata bravissima con il blog. Hai visto? Niente è difficile...sei superissima!
    ciaooo e buona serata a tutti

    RispondiElimina

Benvenuta/o. Lascia pure un commento, sarà molto gradito agli ospiti di questo spazio ed ovviamente anche alla sottoscritta. Grazie.